0 5 minuti 12 mesi

E’ notorio che le donne provino rispetto ad una crisi coniugale un dispiacere spesso più dilaniante di quello che gli uomini percepiscono nella medesima situazione critica. Del resto la particolare sensibilità femminile verso la costruzione di una famiglia risponde ad un progetto amoroso connaturato alla donna che, unica depositaria della maternità, vede nella coppia la sua più alta realizzazione esistenziale. Non è un caso che il pubblico della cartomanzia sia formato soprattutto da partner femminili che, affrante nel verificare il fallimento della loro relazione, interrogano i tarocchi per scoprire ogni opportunità che assicuri il superamento di una catastrofe sentimentale. La tendenza diffusa tra le donne a contattare cartomanti in presenza di una grave e dolorosa separazione coniugale si spiega dunque con la singolare partecipazione emotiva che il mondo femminile mostra verso la tutela della coppia. Laddove quindi la donna sia tormentata dal sospetto sopra un eventuale tradimento del partner o più in generale angosciata dalla consapevolezza che il suo uomo si stia allontanando definitivamente da lei, ha bisogno talvolta di trovare nelle carte risposte a queste inquietudini. La scelta di un cartomante di fiducia vuol dire in questo contesto burrascoso individuare un soggetto che, abile ad interpretare i tarocchi, riesca a offrire al suo cliente sofferente pragmatiche speranze per il prosieguo della sua storia d’amore. Va anzitutto sottolineato che chi si avvicina alle pratiche esoteriche ritiene che un evento sia silenziosamente guidato da energie soprannaturali che incidono sulla volontà individuale. Certo è che a proposito delle donne ci si trova inoltre di fronte a anime belle che, pur di mettere al riparo la loro relazione da errori fatali, sono pronte a utilizzare modalità conoscitive tanto alternative quanto discutibili. I consulti di cartomanzia, infatti, vengono non di rado stigmatizzati da buona parte dell’opinione pubblica che considera prospettive illusorie le cosiddette predizioni da quelle pratiche derivanti.

Le promesse dei cartomanti nelle crisi amorose

Selezionare un cartomante onesto e preparato secondo i parametri esoterici condivisi dagli appassionati, significa puntare ad aspettative realistiche in grado di orientare il cliente verso un futuro quantomeno privo di mere illusioni. Se un operatore esoterico decide cioè di assecondare le prospettive agognate dal cliente, compie un’azione che non aiuterà quella persona a prendere coscienza delle cose, ma soprattutto offrirà materia scandalosa per i media sempre sensibili ad evidenziare comportamenti deprecabili ad opera dei cartomanti. Una volta aperto un dialogo costruttivo con l’operatore esoterico prescelto, quest’ultimo dapprima ascolterà ogni episodio raccontato dal cliente per disegnare il perimetro entro il quale avviare la sua riflessione. Dopodichè comincerà a esplorare il mazzo dei tarocchi soffermandosi ogni volta sulla giusta interpretazione dei simboli che essi restituiscono. In questa fase, dunque, i consulti di cartomanzia dovrebbero fornire consigli puntuali sul comportamento del partner e specialmente suggerimenti altrettanto precisi sopra le occasioni da sfruttare perchè la coppia ritorni ad essere unita. Stiamo parlando quindi di un momento cruciale nel quale da una parte emerge, per chi ovviamente crede alla sua attendibilità, l’intuizione dell’operatore esoterico e dall’altra si constata la sua onestà intellettuale che si traduce nell’arrestare il suo intervento in assenza di una concreta e positiva evoluzione della vicenda. Sia pure essendo la dimensione esoterica bersagliata legittimamente da feroci attacchi effettuati da coloro che reputano la ragione il solo strumento interpretativo valido per comprendere la realtà, è indubbio che il successo dei cartomanti sembra non essere per nulla scalfito da questa costante disapprovazione dei suoi oppositori.

Le imprese che oggi promuovono telefonicamente una lettura dei tarocchi

Il rapporto tra cliente e operatori esoterici oggi si allontana dalle peculiarità che lo hanno da sempre contraddistinto. Allo stato attuale cioè i consulti di cartomanzia, anzichè svolgersi nell’ufficio del professionista di questo settore, sono sviluppati al telefono grazie a call center attivi dalle prime ore del mattino fino a notte tarda. Queste strutture in cui operano cartomanti selezionati dai titolari di queste aziende, rispondono all’esigenza, determinata dalla folle velocità della società contemporanea, di interagire con gli operatori esoterici nell’immediato. A prescindere dunque dagli impegni personali e dal luogo in cui ci si trova nell’esatto momento in cui si affronta una nuova problematica, al cliente sarà sufficiente usare un telefonino per conversare con urgenza con il cartomante di fiducia. Questa rivoluzione apportata alla comunicazione tra operatore e cliente ha generato il proliferare di questa tipologia di società a svantaggio di quei professionisti dell’arte del predire che sono ancora legati alla necessità di incontrare il proprio cliente.